Copyright © Fiabelandia.it
Info Privacy



Racconto di Patrizia Ambrosini

C'era una volta, nel regno di Erin un Re che aveva tre figli.
Un giorno andò fare una passeggiata sulla spiaggia con l Regina per guardare insieme il mare.
Dopo aver camminato un po' videro una barca che si avvicinava alla spiaggia.
Sulla barca c'era una vecchio dai capelli bianchi che disse loro:
“Salite sulla mia barca che vi porto in mare”
Il re e la Regina salirono a bordo e dopo aver navigato per lungo tempo giunsero sull'isola della Solitudine dove sbarcarono.
L'isola era fantastica: la sabbia bianca e fine, una leggera brezza muoveva alcune palme e l'aria era profumata, solo il rumore delle onde del mare che si infrangevano rompeva quel silenzio irreale.
Il Re e la Regina rimasero sull'isola della Solitudine per per diversi mesi.
Un giorno, sentirono il pianto di un bambino, cercarono fra gli scogli, sulla sabbia ma videro solo conchiglie.
La Regina si avvicinò alle palme e capì che il pianto del bambino veniva da lì.
Chiamò il Re, presero il bambino e lo portarono con loro nel regno di Erin e lo chiamarono Auguraoro.
Mentre il Re si trovava sull'isola, si era sparsa la notizia che egli fosse morto.
Di questo fatto venne a conoscenza il Re Bianco del regno di Finn.
Disse:” e' giunto il momento di radunare una flotta, far rotta su Erin e conquistare il regno.
Passarono sette anni prima che egli riuscisse a radunare la flotta e intanto il bambino cresceva con il Re, la regina e i tre fratelli.
Seppur molto giovane Auguraoro era bravissimo in ogni cosa, vinceva tutte i giochi, le gare e le battaglie.
Arrivò il momento in cui il re bianco con la sua flotta fece rotta su Erin.
Arrivato al largo dell'isola di Erin il Re bianco mandò un ambasciatore dal Re, dicendo che dichiarava guerra al Regno di Erin .
Non appena i tre figli del Re udirono che forse ci sarebbe stata una guerra fuggirono dal castello e si nascosero.
La Regina, molto preoccupata mandò a chiamare Auguraoro.
“ che succede dolce Regina? Perchè siete così disperata?”
“Il Re Bianco ha dichiarato guerra a tuo Padre e al regno di Erin, devi aiutarlo”
Subito Auguraoro sellò il cavallo, si mise l'armatura e andò a combattere a fianco del re suo padre.
La Battaglia fu estenuante ma alla fine il Re Bianco fu sconfitto e fatto prigioniero da Auguraoro che lo portò da suo padre.
Il Re era un uomo buono e non volle uccidere il Re Bianco ma lo costrinse a pagare ogni giorno un soldo a tutti i poveri del regno.
Auguraoro fu nominato Primo Cavaliere, ma per diventarlo a tutti gli effetti doveva superare alcune prove.
La PRIMA PROVA consisteva nel portare al re cinque teste di un GIGANTE che abitava sulle GRANDI SCOGLIERE
Auguraoro cavalcò per molti giorni e molte notti quando finalmente un mattino giunse alle scogliere. Vide in lontananza uno spaventoso gigante con cinque teste che, scoppiando in una terrificante risata, fece tremare la terra.
“Brutta bestia, perchè ridi in questo modo,ti diverte tanto sapere che tra poco ti taglierò le teste?”
“ No sono contento che oggi per pranzo mangerò Te piccolo miserabile”
“ Certo, però ancora non mi hai preso” disse Auguraoro.
Il gigante divenne furioso e si scagliò contro il povero Auguraoro.
I due si misero a lottare così accanitamente. All'improvviso, sembrò che l'isola sembrava rovesciarsi, le cose dure diventarono molli,e quelle molli diventarono dure e, in quel preciso istante che Auguraoro gettò a terra il gigante e una dopo l'altra taglio le cinque teste.
Lascìò le GRANDI SCOGLIERE e si diresse verso il regno di Erin quando all'improvviso il cielo iniziò a diventare più scuro, quasi volesse piovere e un forte vento si innalzò sopra di lui.
Apparve una vecchia brutta vestita di nero...una strega!
Si scagliò contro Auguraoro e con lei lottò per tre giorni e tre notti. La strega usava tutte le armi magiche che possedeva, Auguraoro era stremato, sfinito, la strega lo aveva buttato a terra e stava quasi per strappargli il cuore dal petto, tanto che lui penso:” e' arrivata la fine morirò per mano di una strega!”
Ma in quel momento udì una voce che gli disse:
“Nessuno può far del male a una vecchia strega finchè lei indossa il mantello”
Auguraoro raccolse le poche forze che gli erano rimaste e strappò il mantello dalle spalle della vecchia.
Adesso la sua forza era pari a qualsiasi donna della terra, aveva perso ogni potere e fu uccisa.
Auguraoro era stremato, stanco, accasciato per terra ma sentì ancora quella bellissima voce che poco prima l'aveva aiutato.
Si alzò, si guardò attorno ma non vide nulla. Prese un sentiero che portava a una cascata dove l'aria era pura come gli occhi di quella fanciulla che cantava e se né stava lì con i conigli,i pappagalli verdi e gialli e con i fiori tra i capelli.
Era Fiammetta la Figlia del re Maculato.
Il Cavaliere la portò con sé sul suo cavallo Bianco nel regno di Erin.
Auguraoro venne nominato Primo cavaliere e il Re Maculato le diede in sposa Fiammetta.
Dopo moltissimi festeggiamenti che durarono per tre mesi Auguraoro e la principessa si ritirarono nell'altro regno e vissero per molti moltissimi anni.



Pagina 1 di 1

Stampa questa pagina