Copyright © Fiabelandia.it
Info Privacy



Racconto di Patrizia Ambrosini

Un tempo tutti gli animali vivevano insieme in armonia: il coniglio e la volpe, la rana e il maiale...il gatto e il topo!
Quando arrivava la primavera iniziava la stagione dei grandi balli, che duravano tutta la notte.
Quell'anno il musicista ufficiale era la cicala. Era così brava a suonare il violino che tutti parevano molto felici di ballare al suono della sua musica, anche se sapevano che quando iniziava non c'era modo di fermarla: non la smetteva più.
Non serviva neppure gridare “BASTA”!!!: quella non sentiva e, anzi, andava ancora più veloce!
Una notte in cui la cicala stava suonando più freneticamente del solito, i ballerini, stanchi e senza fiato, avevano smesso poco alla volta di danzare e sulla pista erano rimasti solo un gatto e una topolina.
E forse avrebbero continuato a ballare ancora per un po', se il gatto a un certo punto non avesse calpestato l'orlo del vestito della topolina.
Crac! Il vestito si strappò e la topolina cadde all'indietro! Tutti gli animali scoppiarono in una fragorosa risata, tranne il gatto. Lui infatti, pensando che la topolina lo stesse prendendo in giro, si arrabbiò moltissimo e si lanciò contro sguainando gli artigli.
La topolina, dal canto suo, spaventata e piena di vergogna per essere rimasta senza vestito davanti a tutti, corse a infilarsi in un buco nel muro. E da quella notte, quando un topo incontra un gatto si nasconde nel buco....



Pagina 1 di 1

Stampa questa pagina